Come mangiarsi la ritenzione idrica!

Vi ricordate della famigerata e temuta ritenzione idrica?

Ne abbiamo parlato un mesetto fa nell'articolo del nostro blog nell'articolo "Agire contro la ritenzione idrica".

Oggi parliamo del miglior alleato per combattere e sconfiggere proprio la ritenzione idrica: l’alimentazione, quella sana e ben calibrata.

Quello che dico sempre alle persone che chiedono il mio aiuto è quanto segue: mai intraprendere una dieta improvvisata o trovata casualmente sul web, né buttarsi su una dieta troppo ferrea che potrebbe causare ulteriore stress psicofisico e un conseguente abbandono quasi istantaneo di tutti i buoni propositi.

La chiave del successo sta nel trovare inizialmente un giusto compromesso tra corretta alimentazione, idratazione e allenamento.

In che modo? Percorrendo una strada fatta di piccoli passi, garantendoci così l’opportunità di cambiare il nostro stile di vita in modo graduale ed effettivo.

Traduciamo questi piccoli passi in consigli pratici.

 

Segui una dieta ricca di potassio, vitamine e povera di sodio

Cerca di consumare prodotti presenti in natura e di abbandonare gli alimenti contenenti molto sodio e poco potassio. Mangia verdure e frutta di stagione, senza abusarne perché anche la frutta è calorica e deve essere assunta correttamente nel momento in cui si intraprende un regime alimentare. Ricorda che le vitamine presenti nella frutta e nella verdura sono molto importanti per un corretto funzionamento dell’organismo, ma aiutano anche a combattere l’infiammazione corporea (quest’ultima spesso causa proprio la ritenzione idrica).

Non farti mancare le fibre

Le fibre hanno molteplici ruoli, uno dei quali è la regolazione della funzione intestinale( aumentando il peso e il volume delle feci e diminuendone la consistenza, permettono un transito intestinale accelerato). Inoltre, le fibre determinano un’importante sensazione di sazietà, giocando così un ruolo fondamentale per il controllo del peso e dell’obesità.

Controlla il carico glicemico e insulinico

Evita i pasti troppo abbondanti che causano il cosiddetto “picco glicemico”, creando quella sensazione di pesantezza e spossatezza (la tipica sonnolenza post-pasto). Meglio consumare più pasti durante il giorno, la cui quantità verrà regolata in base all’obiettivo. Il controllo del carico glicemico e insulinico permetterà così di migliorare la circolazione venosa-linfatica e la distribuzione dei liquidi nell’organismo.

Mantieni costante l’apporto proteico

La maggior parte delle persone non assume il giusto quantitativo costante di proteine, portando così il corpo ad uno stato di catabolismo cellulare rilasciando liquidi interstiziali. Ciò comporta un’infiammazione corporea. La quota è variabile in base all’obiettivo ma, di norma, chi non assume almeno 0,9-1,2 g/kg aumenterà il rischio di ritenzione idrica. Pertanto, il consiglio è quello di aumentare l’introito proteico costante, abbinando un lavoro con i pesi, permettendo così l’anabolismo cellulare, che rappresenta la soluzione del problema.

Idratati correttamente e costantemente

L’idratazione corporea è importante per molteplici fattori, considerando che il nostro corpo è composto per la maggior parte d’acqua (la percentuale varia in base all’età, partendo dal 100% nel feto sino ad arrivare al 50% nell’anziano). Per valutare velocemente se siete idratati o meno potete fare riferimento al colore delle urine, le quali devono mantenere un colore dorato od essere incolori (e soprattutto non devono essere maleodoranti). Detto questo, bevete poco e spesso durante il giorno; se vi allenate non è importante bere molto durante lo sforzo fisico, ma nelle ore che precedono e seguono l’attività. Cercate di non arrivare mai alla “sensazione di sete”, chiaro segnale di disidratazione. Tra gli alimenti diuretici si raccomandano asparagi, anguria, ananas, finocchi, cavolfiori (questi cibi possono aiutare ad eliminare i liquidi in eccesso, se consumati con buon senso).

Saziati ma senza esagerare

Impara a mangiare con piacere, saziando le tue esigenze ed imparando a conoscere il tuo corpo. Mangia frequentemente e poco durante il giorno rispettando le tue necessità. Mastica bene e mangia lentamente, non abbuffarti. Il tuo organismo ti ringrazierà poiché funzionerà meglio e ti permetterà di mangiare il giusto, controllando conseguentemente il peso. Non diventare schiavo delle grammature, né tanto meno dello schema giornaliero; valuta e regolati sulla settimana, non sul singolo giorno.

 

I passi per intraprendere la strada verso una salute migliore li conosciamo, non resta che cominciare a farli.

Buona passeggiata e buon appetito!

 

Marco Magnani - CrossFit Coach e Personal Trainer SPORT CLUB 12 Ispra

Resta collegato a news e novità!

Registrati alla nostra mailing list e riceverai in anteprima notizie e novità da nostro team.
Non ti preoccupare, tutte le informazioni che ci darai non saranno diffuse.

Registrati
/body>